22 de desembre de 2014

Sciascia e la sua breve storia del romanzo poliziesco

[Passione Lettura, 22 dicembre 2014]


Leonardo Sciascia ha avuto, nella sua carriera di scrittore, rapporti molto stretti col romanzo poliziesco e coi misteri. Basti pensare, per fare solo alcuni esempi, a romanzi come “Il giorno della civetta” e “Una storia semplice” (quest’ultimo più un racconto lungo  che un vero e proprio romanzo) oppure, nel campo dei misteri, anche se non proprio da iscriversi nei gialli veri e propri, a romanzi come “La scomparsa di Majorana” e “I pugnalatori“. Ma quello di cui voglio parlarvi qui non è un romanzo o un racconto diLeonardo Sciascia ma un breve studio, di recente uscito per la collana “I Corsivi” del Corriere della Sera, intitolato “Breve storia del romanzo poliziesco“. In questo breve saggio Sciascia, partendo dalla Bibbia e, per la precisione, daDaniele, ci guida in un viaggio nel tempo attraverso la storia del romanzo poliziesco, a partire dalla sua genesi che, per quanto riguarda il poliziesco come comunemente inteso, viene fatta risalire ad Edgar Allan Poe e al suo investigatore Auguste Dupin, fino ai giorni nostri, al Nero Wolfe di Rex Stout e al Perry Mason di Erle Stanley Gardner.
In questo excursus veniamo introdotti a quelle che sono le principali caratteristiche degli eroi di turno e dei racconti nei quali loro recitano la parte dei protagonisti e, appunto, degli eroi. Sciascia ci offre inoltre un ritratto per sommi capi dei padri e madri di questi eroi di carta indicandoci, in certi casi, anche le motivazioni che stavano dietro a certi comportamenti e modi di fare dei propri personaggi. Una lettura interessante ed entusiasmante che ci permette di conoscere meglio un buon numero dei nostri eroi  preferiti. Inizialmente poi Sciascia ci regala quello che è il suo punto di vista circa l’atteggiamento per così dire corretto che un lettore di romanzi polizieschi, gialli o neri a seconda della nazionalità di origine, Italia o Francia, dovrebbe avere, ovvero non di rivalità con l’investigatore del romanzo ma invece l’atteggiamento di una persona che “…segua una partita di scacchi non conoscendo nulla del gioco degli scacchi…“.




0 comentaris:

Publica un comentari a l'entrada

 
Google Analytics Alternative